Successione internazionale e beni in Italia e all’estero: è possibile aprire due successioni!

Apr 05, 2021

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con sentenza n. 2867/2021 si sono espresse in materia di successione transnazionale affrontando la ricorrente problematica relativa al principio dell’unità della successione, prevalente nei paesi di Civil Law e quello della scissione, proprio dei paesi di Common Law.

Le successioni con elementi di internazionalità (come, per esempio, la cittadinanza del defunto o il luogo in cui si trovano i beni dello stesso) in Italia risultano regolate dalla legge 218 del 1995 che, oltre a definire i criteri di collegamento con altri ordinamenti giuridici, prevede lo strumento del rinvio a leggi e/o norme straniere.

La Suprema Corte ha affermato la possibilità dell’apertura di due diverse successioni e la formazione di due distinte masse ereditarie, ognuna regolata da leggi diverse che determinano la validità e l’efficacia del titolo successorio, individuano gli eredi, determinano l’entità delle quote e le modalità di accettazione e di pubblicità e predispongono l’eventuale tutela dei legittimari.  

Il caso

Il caso concreto sottoposto al vaglio della Suprema Corte aveva ad oggetto la successione di un cittadino inglese, deceduto in Italia, dopo aver contratto matrimonio con una cittadina italiana. Quest’ultima aveva richiesto l’accertamento dell’avvenuta revoca del testamento redatto dal de cuius a Londra nel 1997, con cui lo stesso aveva lasciato alla donna un legato di 50.000 sterline, disponendo poi che il restante suo patrimonio, composto da immobili in Italia e diversi beni mobili venisse spartito tra i suoi figli, nati dal precedente matrimonio.
Secondo la donna, essendo il de cuius cittadino inglese, la successione avrebbe dovuto essere disciplinata dal diritto inglese e pertanto il testamento doveva ritenersi revocato in virtù del successivo matrimonio del testatore, come previsto dal Will Act del 1837. Per i figli del de cuius, invece, avrebbe dovuto essere applicata la legge italiana e il testamento, quindi, essere considerato pienamente valido.

Il principio stabilito dalla Corte

Le norme di conflitto di cui alla L. n. 218 del 1995, individuano preliminarmente la lex successionis nella legge nazionale del defunto: nel caso di specie, quindi, la legge regolatrice della successione sarà quella inglese. Quest’ultima, tuttavia, pur disponendo la regolamentazione dei beni mobili, opera un rinvio alla lex rei sitae, ovvero la legge dello stato in cui i beni si trovano, per la disciplina dei beni immobili.
In sostanza, quale conseguenza del rinvio del diritto internazionale privato italiano al diritto privato internazionale inglese e del correlato rinvio indietro previsto da quest’ultimo, si determina una scissione  tra i beni immobili e i beni mobili del defunto: la legge che disciplina la successione inerente ai beni immobili sarà la legge italiana, ovvero quella dello Stato in cui i beni si trovano, mentre la legge che governa la successione inerente ai beni mobili, sarà quella inglese, legge nazionale del defunto.

Sara Bocci

Law Diploma at University of Siena (2016), Master at SIOI (The Italian Society for International Organization) in Rome in "International relations and International Protection of Human Rights", she completed an internship at The Permanent Mission of Italy to the UN in New York (2017)

  • Contattaci

    Per un preventivo gratuito o per informazioni generali su immigrazione/cittadinanza, compila il modulo di contatto.

    Compila il form →
  • MAZZESCHI S.r.l. - C.F e P.IVA 01200160529 - Cap.Soc. 10.000 € I.V. - Reg. Imp. Siena 01200160529 - REA SI-128403 - Privacy Notice - Cookies Policy
    Copyright © 2019 by Mazzeschi - Web Designer Alessio Piazzini Creazione siti web Firenze
  • Mazzeschi S.r.l. | Operazione/Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020
    Il progetto ITACA (ITaly Attract ChinA) è un investimento nei paesi/mercati a lingua cinese, in particolare Taiwan con l’obiettivo di accrescere le quote di mercato dell'azienda. Tramite ITACA la Mazzeschi Srl ha aperto un ufficio a Taiwan con assunzione di personale di lingua cinese, creato un sito internet in lingua cinese e partecipato a fiere e varie attività di promozione a Taiwan.

    Mazzeschi S.r.l. | Project co-financed under Tuscany POR FESR 2014-2020
    The ITACA project (ITaly Attract ChinA) is a fund to invest in Chinese-speaking countries/markets, in particular Taiwan with the aim of increasing the company's market shares. With the help of ITACA project, Mazzeschi Srl has opened an office in Taiwan and has hired a Chinese-speaking staff, created a Chinese website and participated in fairs and various promotional activities in Taiwan.