Apolidia In Italia: Si può uscire da questo limbo?

Dic 21, 2022

L’ordinanza del 3 settembre 2022 del Tribunale ordinario di Roma ha riconosciuto la cittadinanza italiana per apolidia di fatto ad una bambina nata in Italia nel 2018 da madre paraguayana e padre ignoto.

Al momento della nascita, la madre della bambina ha richiesto all’ambasciata del Paraguay il riconoscimento della figlia come cittadina paraguayana, ed il conseguente rilascio del passaporto, ricevendo però un rifiuto.  

Secondo l’art. 146 della Costituzione del Paraguay, sono di nazionalità paraguaiana naturale: “I figli di madre o padre paraguaiani nati all’estero, quando risiedono nella Repubblica di Paraguay in forma permanente”.

Dunque, il trasferimento in Paraguay sarebbe stata l’unica via percorribile dalla bambina per ottenere la cittadinanza paraguayana dalla madre. Inoltre, essendo figlia di padre ignoto, non aveva potuto acquisire nessun’altra cittadinanza, risultando quindi apolide.

Che cosa succede secondo la legge italiana quando una persona nata in Italia risulta apolide?

Secondo l’art. 1 co. 1 lett. B) l. 91/92, è cittadino italiano per nascita “chi è nato nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono”.

Nel maggio 2021, ai sensi dell’art. 1 co. 1 lett. B) l. 91/92 sopra citato, la madre ha richiesto il riconoscimento della cittadinanza italiana per la figlia apolide di fronte al Tribunale ordinario di Roma, il quale ha considerato eccessivo il necessario trasferimento in Paraguay della bambina al fine dell’ottenimento della cittadinanza, come previsto dalla Costituzione paraguayana. Di conseguenza è stato dichiarato che il caso rientrava nell’ambito di applicazione dell’art. 1 co. 1 lett. B) 1. 91/92. 

La domanda di riconoscimento di cittadinanza italiana in favore della bambina è stata dunque accolta, e la bambina dichiarata cittadina italiana con la ordinanza dello scorso 3 settembre 2022.

L’apolidia in Europa: quanto è grande il problema?

Il diritto alla nazionalità è materia di numerosi trattati internazionali, primo fra tutti la Convenzione Europea sulla Nazionalità, basata su principi di non discriminazione e prevenzione dell’apolidia.

Tale diritto costituisce una parte fondante dell’identità sociale, ed è considerato essenziale affinché l’individuo possa godere di altri importanti diritti come l’accesso all’istruzione, all’occupazione, all’assistenza sanitaria e alla libertà di movimento.

Alla base dell’apolidia ci sono difficoltà legate a leggi statali sulla nazionalità, successione statale, spostamento forzato, movimenti di migrazione contemporanei e passati, problemi di registrazione delle nascite e problemi con pratiche amministrative.

Secondo l’UNHCR (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) in Europa si contano oltre mezzo milione di apolidi o soggetti con nazionalità incerta.

Tra questi, gli apolidi in Italia sarebbero tra i 3.000 e 15.000, e soltanto qualche centinaio ha oggi ricevuto lo status di apolide da parte del governo italiano. Una parte sostanziale degli apolidi in Italia appartengono alla comunità Rom.

Ovunque nel mondo, la pandemia da COVID-19 ha senza dubbio aggravato le condizioni degli apolidi, già precedentemente marginalizzata e svantaggiata.


Autori: Chiara Vignali e Ylenia Iervolino

  • Contattaci

    Per un preventivo gratuito o per informazioni generali su immigrazione/cittadinanza, compila il modulo di contatto.

    Compila il form →
  • MAZZESCHI S.r.l. - C.F e P.IVA 01200160529 - Cap.Soc. 10.000 € I.V. - Reg. Imp. Siena 01200160529 - REA SI-128403 - Privacy Notice - Cookies Policy
    Copyright © 2019 by Mazzeschi - Web Designer Alessio Piazzini Creazione siti web Firenze
  • Mazzeschi S.r.l. | Operazione/Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020
    Il progetto ITACA (ITaly Attract ChinA) è un investimento nei paesi/mercati a lingua cinese, in particolare Taiwan con l’obiettivo di accrescere le quote di mercato dell'azienda. Tramite ITACA la Mazzeschi Srl ha aperto un ufficio a Taiwan con assunzione di personale di lingua cinese, creato un sito internet in lingua cinese e partecipato a fiere e varie attività di promozione a Taiwan.

    Mazzeschi S.r.l. | Project co-financed under Tuscany POR FESR 2014-2020
    The ITACA project (ITaly Attract ChinA) is a fund to invest in Chinese-speaking countries/markets, in particular Taiwan with the aim of increasing the company's market shares. With the help of ITACA project, Mazzeschi Srl has opened an office in Taiwan and has hired a Chinese-speaking staff, created a Chinese website and participated in fairs and various promotional activities in Taiwan.