COPPIE GAY: legittimo il rifiuto dell’ufficiale di stato civile di indicare due madri sull’atto di nascita di figlio nato in Italia da procreazione assistita

Set 03, 2020

Nella recente sentenza, n. 7668/2020, la Corte di Cassazione, affrontando la questione relativa alla possibilità di indicare due madri sull’atto di nascita di una minore nata in Italia a seguito di pratiche di procreazione medicalmente assistite effettuate all’estero, ha dichiarato legittimo il rifiuto dell’ufficiale di stato civile.

La Suprema Corte ha preliminarmente affermato la necessità dell’applicazione del divieto, espressamente previsto dal nostro ordinamento[1] per le coppie dello stesso sesso, di accedere alle pratiche di PMA.

Da tale previsione, avvalorata anche da altre disposizioni del nostro ordinamento, deriva che, per gli atti di nascita formati o da formare in Italia, possa essere menzionata una sola persona come madre, in virtù del rapporto biologico e/o genetico con il nato.

Sul tema la Suprema Corte ha richiamato una precedente pronuncia, la n. 221/2019, con cui la Corte Costituzionale aveva chiarito che, in tema di procreazione medicalmente assistita, non esiste nel nostro ordinamento un “diritto a procreare con metodi diversi da quello naturale”, nel senso che la PMA si configura come un rimedio alle condizioni patologiche di sterilità e infertilità non rimovibili in altro modo e non anche come modalità di realizzazione del desiderio di genitorialità.

Per quanto riguarda la possibilità del riconoscimento in Italia di atti di nascita redatti all’estero e recanti l’indicazione di due genitori dello stesso sesso, la Corte ha precisato che in tal caso si applica il diverso parametro normativo dell’ordine pubblico e che a venire in rilievo sono i principi di continuità e conservazione dello status filiationis, oltre che quello di circolazione degli atti giuridici formati all’estero. La Suprema Corte, tuttavia, ha precisato che è trascrivibile in Italia un atto di nascita di un minore che reca l’indicazione di due genitori, ma solo se questi sono entrambi di sesso femminile; mentre ciò non è possibile se si tratta di due genitori uomini, in quanto in quel caso è necessario il ricorso a tecniche di gestazione surrogata, circostanza in contrasto con disposizioni imperative del nostro ordinamento.


[1] Cfr. art. 5 L. 40/2004 e le sanzioni previste dall’art. 12, comma 2 Legge cit., nel caso di violazione dello stesso.

Sara Bocci

Law Diploma at University of Siena (2016), Master at SIOI (The Italian Society for International Organization) in Rome in "International relations and International Protection of Human Rights", she completed an internship at The Permanent Mission of Italy to the UN in New York (2017)

  • Contattaci

    Per un preventivo gratuito o per informazioni generali su immigrazione/cittadinanza, compila il modulo di contatto.

    Compila il form →
  • MAZZESCHI S.r.l. - C.F e P.IVA 01200160529 - Cap.Soc. 10.000 € I.V. - Reg. Imp. Siena 01200160529 - REA SI-128403 - Privacy Notice - Cookies Policy
    Copyright © 2019 by Mazzeschi - Web Designer Alessio Piazzini Creazione siti web Firenze
  • Mazzeschi S.r.l. | Operazione/Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020
    Il progetto ITACA (ITaly Attract ChinA) è un investimento nei paesi/mercati a lingua cinese, in particolare Taiwan con l’obiettivo di accrescere le quote di mercato dell'azienda. Tramite ITACA la Mazzeschi Srl ha aperto un ufficio a Taiwan con assunzione di personale di lingua cinese, creato un sito internet in lingua cinese e partecipato a fiere e varie attività di promozione a Taiwan.

    Mazzeschi S.r.l. | Project co-financed under Tuscany POR FESR 2014-2020
    The ITACA project (ITaly Attract ChinA) is a fund to invest in Chinese-speaking countries/markets, in particular Taiwan with the aim of increasing the company's market shares. With the help of ITACA project, Mazzeschi Srl has opened an office in Taiwan and has hired a Chinese-speaking staff, created a Chinese website and participated in fairs and various promotional activities in Taiwan.