VECCHI PERMESSI CE DI LUNGO PERIODO: IL TEST DI ITALIANO NON SERVE!

Mag 27, 2020

Il diniego è illegittimo se l’Amministrazione non ha fornito prima comunicazione di preavviso 

TAR VENETO 1324/2019: il “vecchio” permesso CE per soggiornanti di lungo periodo esonera il richiedente dalla produzione del test di lingua Italiana. Inoltre il diniego da parte della Prefettura è illegittimo se non preceduto da comunicazione di preavviso di rigetto.

Negli ultimi mesi, nei procedimenti di cittadinanza introdotti telematicamente, si è assistito all’emissione di sempre più numerosi dinieghi “informali” da parte delle Prefetture competenti, per le ragioni più disparate, e senza un vero rispetto delle garanzie procedimentali che regolano il procedimento amministrativo.

Il c.d. Decreto Salvini (d.l. 113/2018) ha di recente introdotto, ai fini della concessione della cittadinanza, il requisito della conoscenza della lingua italiana. La nuova norma prevede che siano esonerati dalla dimostrazione della conoscenza della lingua i titolari di “permesso UE per soggiornanti di lungo periodo”, in quanto, per il rilascio di tale titolo di soggiorno, è già prevista la dimostrazione del possesso dei requisiti linguistici (come in precedenza per il rilascio per “permesso CE per soggiornanti di lungo periodo”).

Alcune Prefetture, in modo del tutto irragionevole, hanno rifiutato di ritenere applicabile la deroga alla presentazione della certificazione linguistica in favore dei titolari del vecchio permesso per lungo-soggiornanti con la dicitura “CE” invece di “UE”.

Il TAR Veneto, con la pronuncia in esame, ha sancito l’illegittimità di tale diniego, ribadendo che anche i titolari di permesso di lungo periodo con dicitura “CE anziché UE” sono esonerati dalla presentazione di attestazioni linguistiche in sede di richiesta di cittadinanza.

La pronuncia in esame, inoltre, riveste primaria importanza anche sotto altro profilo. Come accennato, attualmente si assiste sempre più spesso al respingimento delle pratiche di cittadinanza con comunicazioni “informali”, tramite il portale del Ministero, senza che esse siano precedute da comunicazioni c.d. di “preavviso di rigetto”, ossia quelle comunicazioni, obbligatorie ex art. 10bis della legge 241/1990, con cui l’Amministrazione è tenuta a comunicare, prima del diniego, i motivi che ostino all’accoglimento della domanda, così mettendo in condizione l’istante di presentare le sue osservazioni.

Il TAR Veneto, ribadisce, seppur in un obiter dictum, che un provvedimento di diniego di cittadinanza è illegittimo se non preceduto da comunicazione di preavviso di rigetto ex art. 10 bis l. 241/1990.

Simone Keremidtschiev

Master Degree in International and EU law at the Università Statale of Milan (2010), specializes in immigration, administrative and EU law. Since 2017 he’s member of ASGI – Association on Immigration Legal Studies.

  • Contattaci

    Per un preventivo gratuito o per informazioni generali su immigrazione/cittadinanza, compila il modulo di contatto.

    Compila il form →
  • MAZZESCHI S.r.l. - C.F e P.IVA 01200160529 - Cap.Soc. 10.000 € I.V. - Reg. Imp. Siena 01200160529 - REA SI-128403 - Privacy Notice - Cookies Policy
    Copyright © 2019 by Mazzeschi - Web Designer Alessio Piazzini Creazione siti web Firenze
  • Mazzeschi S.r.l. | Operazione/Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020
    Il progetto ITACA (ITaly Attract ChinA) è un investimento nei paesi/mercati a lingua cinese, in particolare Taiwan con l’obiettivo di accrescere le quote di mercato dell'azienda. Tramite ITACA la Mazzeschi Srl ha aperto un ufficio a Taiwan con assunzione di personale di lingua cinese, creato un sito internet in lingua cinese e partecipato a fiere e varie attività di promozione a Taiwan.

    Mazzeschi S.r.l. | Project co-financed under Tuscany POR FESR 2014-2020
    The ITACA project (ITaly Attract ChinA) is a fund to invest in Chinese-speaking countries/markets, in particular Taiwan with the aim of increasing the company's market shares. With the help of ITACA project, Mazzeschi Srl has opened an office in Taiwan and has hired a Chinese-speaking staff, created a Chinese website and participated in fairs and various promotional activities in Taiwan.